Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Martedì, 26 Luglio 2016 09:02

MAX GAZZE' RUGGISCE COME UN BIKER AL CASTELLO DI VILLAFRANCA In evidenza

Scritto da 

Video

MAX GAZZE' RUGGISCE COME UN BIKER AL CASTELLO DI VILLAFRANCA

I soli di basso sono sempre noiosi”, tranne l’intro solitario di Max Gazzè al concerto di ieri sera, fatto di note sparse ed effetti ruggenti come sgasi di un biker che mette in moto il suo bolide, pronto a far partire il motore (del concerto) per una nuova avventura.

Partono così "Favola di Adamo ed Eva" e "I tuoi maledettissimi impegni": il numero di giri presto sale, la cassa spinge e rimbomba nella pancia, il ritmo prende e già si balla dalla seconda canzone.

Il “Maximilian Tour” in due ore di spettacolo, completo di luci e colori, riattraversa il repertorio di una vita, canzoni che oramai fanno parte a pieno titolo della cultura popolare italiana.

Nei brani dell’artista romano pulsano almeno due cuori: la musica di Max e la poesia del fratello Francesco Gazzè, che da sempre cura i testi, tanto preziosi.

Max Gazzè si impone per statura ma soprattutto per esperienza e classe: una lunga carriera e un’innata sensibilità lo hanno reso un artista completo e maturo.

Se la prima parte del concerto è marcatamente “dance”, a metà il cantautore chiama affianco a sé i componenti della band per una versione acustica di alcuni brani. Ecco al centro del palco quindi:

Cristiano Micalizzi, batterista

Clemente Ferrari, tastierista, ora alla fisarmonica

Francesco De Nigris, alla chitarra acustica

Max Dedo, a chitarra e trombone

tutti equilibrati e meritevoli.

Dopo i panorami acustici de "Il timido ubriaco", "L’uomo più furbo", "Mentre dormi", "Cara Valentina", il viaggio riprende con "L’amore non esiste", scritta a sei mani con Niccolò Fabi Daniele Silvestri, "A cuore scalzo"e "Sotto casa"...

Dopo l’estate italiana il motore di Max Gazzè scatenerà i cavalli di potenza all’estero: il tour proseguirà a MontrealTorontoChicagoNew YorkBostonMiamiLos Angeles, Tokio Shanghai

Letto 492 volte
Emanuela Perina - Verona

La palla della disco mi è sempre piaciuta. Mille faccette tutte impegnate a riflettere la luce in altrettante direzioni. Anche io, così, ho tanti interessi diversi che mi dividono tra l'ingegneria, la musica, il ballo, la vela... Molteplici intenti, variopinte sfumature, tendenze spesso opposte ma che tutte assieme mi compongono e mi rendono rotonda!

website: http://www.vivalaradio.fm

Instagram

Twitter

Facebook